"QUANDO SI AMA LA VITA, SI AMA IL PASSATO PERCHE' ESSO E' IL PRESENTE QUALE E' SOPRAVVISSUTO NELLA MEMORIA UMANA" Margherite Yourcenar

Famiglia Di Lorenzo

L’origine inglese di questa nobilissima famiglia non impedì a Silvestre di Lorenzo Visconte di Antona del Ducato di Nottuberland di trasferirla in Sicilia, sotto il regno di Re Ruggiero.
Tutto ciò si evince da un decreto di concessione del titolo di “Marchese del Castelluccio”, accordato da Re Ferdinando IV nel 1803.
I personaggi di questa titolata famiglia furono vari e varie furono le nobilissime gesta che li resero e li rendono, ancor oggi, degni di menzione:
un Pietro, Segretario della Regina Costanza;
un Nicola, Segretario di Re Manfredi;
un Roberto, esimio Giureconsulto, sotto i Re Giacomo e Pietro II d’Aragona;
un Giovanni al quale, per il suo valore, gli fu elargito un feudo dal Re Pietro II;
un Corrado, Comandante la fortezza di Noto, nonché Gentiluomo di Camera di Re Alfonso;
un altro Giovanni, Canonico della Cattedrale di Noto e Cavaliere Cappellano dell’Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme, lodato inoltre per le sue virtù insigni ed illustri;
un Lorenzo, primo Marchese del Castelluccio;
un Corrado Di Lorenzo e Borgia, Marchese del Castelluccio, Barone di S.Lorenzo, Sammarco, Renda, Granieri, Ciurca, Canali – Cavaliere del Santo Sepolcro di Gerusalemme e Gentiluomo di Camera di Re Ferdinando II.
Prendendo come figura di riferimento coloro ai quali ci sentiamo direttamente e fondamentalmente legati, a datare dal dopo-terremoto in poi (1693), esattamente il Nobile Niccolò Di Lorenzo e la sua sposa, la nobildonna Agata Battaglia, ci sentiamo di affermare che i discendenti di questa illustre famiglia, ben presenti ai giorni nostri, costituiscono nota di vanto e di orgoglio, di cui può degnamente fregiarsi la nostra Noto.